Il rinnovo entro 60 mesi: i prestiti delega

Se siamo lavoratori dipendenti di qualsiasi genere, intestatari di un contratto di lavoro a tempo indeterminato, possiamo accedere a un prestito delega. Questo viene anche definito doppio quinto, perché prevede che il dipendente versi due quinti del suo stipendio al netto per risarcire la banca. Solitamente si possono ottenere cifre cospicue adottando questo modus operandi, e inoltre è possibile richiedere un’ulteriore somma al nostro prestatore. Inoltrando una richiesta di rinnovo possiamo ricevere del denaro aggiuntivo, e dilatare le tempistiche di restituzione del debito. Il prestito delega si può rinnovare se il piano di ammortamento originario (ovvero quello previsto durante la sottoscrizione) ha una durata inferiore ai 60 mesi. Infatti se il rimborso copre un lasso di tempo di meno (o uguale a) 5 anni è possibile inoltrare la domanda di rinnovo senza troppi intoppi. In tal caso, qualora la richiesta …

Cessione del quinto per viaggi e vacanze

Dopo un anno di duro lavoro si è soliti concedersi un piccolo spazio di tempo per “ricaricare le pile”, e ripartire al meglio pronti per un nuovo inizio. Non di rado però, giunti al momento delle tante agognate ferie, ci troviamo con diverse spese da affrontare e il denaro – magari faticosamente messo da parte in vista della partenza imminente – previsto per coprire le spese di una vacanza viene meno. In questi casi si potrebbe rinunciare al viaggio, ma secondo una statistica online – prodotta proprio da varie agenzie turistiche – sono pochissime le persone che scelgono questa opzione. Per ovviare a tale problema sempre più spesso si ricorre a un prestito finalizzato per viaggi e vacanze. Sicuramente la scelta più conveniente è quella di richiedere una cessione del quinto (ovviamente in caso di lavoratori dipendenti con regolare contratto, …

Prestiti con piccole rate 

Spesso ci troviamo a dover affrontare una spesa improvvisa, magari anche piccola, senza però disporre del denaro necessario. In questi casi ci serve liquidità in tempi brevissimi, soprattutto se tale spesa ha carattere d’urgenza. Per riuscire a ottenere facilmente un prestito potremo provare a chiedere una piccola cifra. Questi finanziamenti infatti, essendo meno rischiosi per le banche, hanno tempi di lavorazione relativamente brevi.

Molto spesso siamo scoraggiati dal richiedere un finanziamento per via delle rate mensili troppo alte. Se non riusciamo a sostenere dei costi mensili eccessivi potremo optare per una soluzione alternativa. Dovremo riuscire a ottenere un prestito che prevedere delle rate leggere e sostenibili, per riuscire a ricevere del denaro liquido e ripagare poi la banca senza arrancare fino al prossimo stipendio. Farlo è possibile, e nelle prossime righe vi spiegheremo come.

Chiedere una piccola somma è il

Tassi d’interesse applicati ai prestiti delle poste

I finanziamenti che si possono trovare alle Poste Italiane sono una soluzione pratica e anche piuttosto vantaggiosa per chi cerca un metodo di finanziamento alternativo. Si tratta di finanziamenti che sono stati pensati principalmente per chi è un cliente e titolare di un conto corrente postale BancoPosta, ma esistono delle opzioni valide per chi non ha un conto corrente postale. I finanziamenti che sono offerti da Poste Italiane presentano si una buona praticità ma anche dei buonissimi tassi di interesse. Tra i vari prodotti finanziari che ci sono proposti esistono vari modelli di finanziamenti che si adattano a delle diverse esigenze e necessità particolari. In primo luogo sono finanziamenti richiedibili direttamente nell’Ufficio postale più vicino, e spesso ci sono anche dei modelli di finanziamento molto veloce che vi permettono di ottenere liquidità in caso di bisogno in tempi brevi. Hanno

Prestiti cattivi pagatori senza stipendio

I Cattivi pagatori o i protestati che non dispongono di una busta paga spesso si trovano a non riuscire facilmente a trovare un prestito che gli possa essere concesso. Ma non c’è da disperare, considerando che entrare nelle liste dei cattivi pagatori purtroppo può essere molto semplice, ad oggi è possibile riuscire a trovare una soluzione valida anche se si è catalogati in questo senso. Non solo, esiste una possibilità di credito per la quale non è necessario avere uno stipendio fisso o disporre di una busta paga certa: si tratta del prestito incentrato sul sistema a cambiali, ossia il prestito cambializzato. Si tratta di una tipologia di credito che pare essere l’unica a disposizione di coloro che sono iscritti nelle banche dati Crif e Ctc, e che non hanno uno stipendio. Il prestito cambializzato è estremamente accessibile a tutti

Guida ai prestiti senza busta paga anche a giovani e lavoratori precari

Sempre più categorie di lavoratori precari, autonomi o non stabilizzati scelgono la strada delle linee di credito. In assenza di una busta paga che attesti l’affidabilità di chi contrae il finanziamento, al giorno d’oggi è assai difficile accedervi.

Specifichiamo subito però che recentemente il ramo dei prestiti senza garanzia negli ultimi anni è mutata in meglio e ha aperto strade nuove. Esistono infatti anche formule pensate per le casalinghe e gli studenti. Se volete saperne di più vi consigliamo di visionare il link sui prestiti senza busta paga, la guida completa.

I prestiti concessi ai lavoratori senza busta paga sono formule di credito che l’istituto creditore concede a coloro che necessitano di liquidità immediata ma non hanno un regolare contratto di lavoro; considerata l’assenza di un documento che attesti la titolarità di un credito dimostrabile si tratta comunque di

Prestiti per comprare una nuova auto

 

Oggi siamo abituati a spostarci per la città comodamente seduti nella nostra vettura, dotata di tutti i comfort che la tecnologia ci possa offrire, e – per esigenza o abitudine – non riusciamo nemmeno a valutare l’idea di non possederne una. Comprare una nuova automobile però non è mai un processo celere, anche se spesso è più che necessario – e magari anche urgente. Essendo un prodotto abbastanza costoso però non capita molto spesso che disponiamo di una liquidità tale da permetterci di concludere la vendita in quattro e quattr’otto. In questi casi possiamo aspettare e tentare di mettere i soldi da parte fino a raggiungere la cifra che ci serve, oppure possiamo optare per una soluzione più celere e vantaggiosa. Ovviamente dovremo chiedere un prestito pari al prezzo dell’automobile, per comprarla in un’unica

Prestiti Cambializzati, Domande Frequenti

I prestiti cambializzati stanno sempre più aumentando in questo periodo di crisi economica e di lavoro precario e per questo motivo stanno notevolmente crescendo i dubbi, le perplessità e le domande che ogni persona si pone. Un valido aiuto e un supporto a tal proposito lo si può trovare sul sito www.guidaprestiticambializzati.it che in maniera semplice ed efficiente fornisce tutte le principali informazioni per chi si accinge a chiedere un prestito di questo tipo.

La prima domanda che ci si pone è sicuramente cosa sia un prestito cambializzato. Si tratta in sostanza di un prestito a tasso di interesse fisso che può essere ottenuto in maniera abbastanza rapida e che viene restituito attraverso l’utilizzo di cambiali. L’accettazione del prestito, infatti, avviene anche in sole 24-48 ore. Si possono richiedere tra i 2500 e i 60000 euro che devono essere restituiti …

Prestiti tra privati: una miniguida

PRESTITI TRA PRIVATI CHE COSA SONO
I Prestiti Privati consistono in un finanziamento che non si avvale del sistema bancario tradizionale ma bensì di denaro messo a disposizione di alcuni cittadini privati, denominato social lending (Prestito Privato).
A regolare e garantire la domanda e l’offerta dei finanziamenti dei Prestiti Privati è di solito un intermediario autorizzato dalla Banca d’Italia, come fa la società iprestitiaprivati.it
Questa forma di finanziamento è nato nel 2005 in Inghilterra ed è arrivato in Italia nel 2007, anche chiamato peer to peer lending oppure p2p.
Gli intermediari che regolano i Prestiti tra Privati operano online differenziando dal solito prestito dagli istituti di credito per i sistemi adottati ed anche per i requisiti richiesti, fornendo un alternativa per lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, pensionati e richiedenti senza busta paga.

SOCIAL LENDING COME FUNZIONANO
Le società di Social Lending  …

Come richiedere e ottenere un prestito se si è protestati o cattivi pagatori

Contrariamente a quello che si potrebbe erroneamente credere, anche i cosiddetti “cattivi pagatori” possono accedere ad alcune determinate tipologie di prestiti e di finanziamenti. In seguito una serie di consigli, disponibili su http://guidaprestitiprotestati.it, utili nel risolvere una problematica, quella di accesso al credito, che per molti rappresenta un ostacolo insormontabile.

I prestiti destinati a protestati o cattivi pagatori sono identificabili in finanziamenti concessi a chi, per motivazioni di differente entità, hanno riscontrato delle problematiche nel restituire l’importo ottenuto in sede di sottoscrizione. In questa precisa fattispecie, il soggetto che ha chiesto in finanziamento in questione viene immesso nel cosiddetto Registro dei Cattivi Pagatori, con ogni istituto bancario che, prima di conferire qualsiasi altro prestito, valuteranno la particolare situazione con molta attenzione. Ciò nonostante, ad oggi, grazie anche e soprattutto a prestiti appositamente ideati per i cattivi pagatori, ognuno di …